Di province, di regni, di montagne, di baie, di vascelli, di isole, di strumenti, di astri, di cavalli e di persone. E di colline.

La casa in collina assomma in sé diversi vantaggi; innanzitutto, vivendoci puoi sentirti un po’ Cesare Pavese, anche se a pensarci bene non è una gran cosa: Pavese è bravo a scrivere, a rielaborare il disagio esistenziale, a tradurre Moby Dick, a farsi rifiutare proposte di matrimonio, ma non è certo una cima nella gestione della propria umanità. Uno dei vantaggi veri invece è che internet, se prende, ha un segnale flebilissimo che impedisce di guardare cose non puramente testuali, tipo cose in streaming. Per questo, il fatto che stamattina alcuni operai abbiano messo qualcosa sottoterra (verosimilmente questa fantomatica “fibra”) … Continua a leggere Di province, di regni, di montagne, di baie, di vascelli, di isole, di strumenti, di astri, di cavalli e di persone. E di colline.